Articoli AMT Toscana

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Alstom e Trenitalia presentano a Expo il nuovo treno regionale Pop

03.10.17 - Presentato oggi a Expo Ferroviaria il nuovo treno regionale della famiglia Coradia Stream progettato e costruito da Alstom Ferroviaria per Trenitalia. Il treno è stato battezzato "POP" alla presenza del Ministro delle infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio. Le autorità e la stampa hanno potuto vedere il modello in scala reale di POP e sondare il comfort, la spaziosità, la luminosità e i servizi di questo treno, che entrerà in servizio commerciale nel 2019. "La nostra decennale esperienza al servizio di flotte regionali ci ha permesso di creare treni pensati per il mercato italiano. Progettato e costruito da Alstom Ferroviaria per Trenitalia, Pop è un treno di nuova generazione che si avvale delle ultime tecnologie dell'industria ferroviaria e dell'esperienza di Alstom, con oltre 100 treni della famiglia Coradia, già in servizio commerciale in 10 regioni italiane.

Leggi tutto...

Il Report pubblicato da Arpat sullo sviluppo delle reti tramviarie

01.08.17 - Riportiamo l'articolo pubblicato da Arpat dal titolo "Un tram che in Italia si chiama desiderio" che disegna un quadro dello sviluppo delle reti tramviarie  comparando casi nazionali diversi e che riporta parte dei contenuti  dell'intervento al settimo convegno nazionale sistema tram di Giovanni Mantovani, direttore del Comitato Scientifico di AMT Toscana.

In Italia nelle 21 città medie, fra 150 e 500mila abitanti, è presente una linea tranviaria solamente in 6 casi. In Francia nelle 15 città della medesima classe dimensionale sono presenti reti tranviarie in 13 casi per un complesso di 37 linee. Accade con una certa frequenza che, alla pubblicazione di qualche report europeo o globale sulla situazione dell’inquinamento atmosferico e acustico delle nostre città, nonché dei relativi problemi che ne derivano sulla salute delle persone, si auspichino risposte di tipo strutturale.

Leggi tutto...

Il futuro della mobilità urbana: lo studio di Ambrosetti e FSI

18.09.17 - Lo studio riassume e sistematizza le analisi, le riflessioni e i risultati del lavoro realizzato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Ferrovie dello Stato Italiane. Il tema della mobilità urbana è qui declinato principalmente in chiave di mobilità delle persone tenendo sempre presente che esiste una dimensione altrettanto importante legata alle merci e alla logistica urbana. Nello studio è elaborato un indice, l'Urban Mobility Index, che ci consegna un quadro della mobilità sostenibile in netto ritardo nelle città dell'Italia meridionale e con leader Milano, che ha la quota di mobilità collettiva al 48%, 5 punti % in meno di Londra e 22 di Parigi.  La modernizzazione auspicata nello studio si basa su 3 pilastri.

Leggi tutto...

Tramvie di Firenze: via ai finanziamenti per T4.1 e T2.2

09.06.17 - Via libera in giunta comunale a Firenze ad una variazione di bilancio in cui sono inseriti gli investimenti per l’estensione delle tramvie. La delibera, che adesso dovrà passare al vaglio del consiglio comunale, prevede nel programma triennale dei lavori pubblici 2017-2019 la realizzazione della Linea 4 della tramvia (Leopolda-Piagge) e il prolungamento della Linea 2 dall’aeroporto al Polo Scientifico di Sesto Fiorentino. In particolare nella delibera dell’assessore al bilancio Lorenzo Perra si specifica che per la Linea 4, già presente a bilancio per 24 milioni di euro finanziati con il fondo europeo per lo sviluppo e la coesione, si aggiungano 95 milioni dallo Stato (Sblocca Italia) nei prossimi 2 anni e 47 milioni nel 2018, da finanziare con un project financing. In merito al prolungamento della Linea 2 fino a Sesto invece sono stati inseriti in bilancio 20 milioni e 200 mila euro in arrivo dal fondo europeo per lo sviluppo e la Coesione, e 80 milioni nel 2018 finanziato Por Creo dell’Unione Europea. Sempre per il 2018 sono stati inseriti in bilancio 50 milioni e 900 mila euro da finanziare con project financing.

[Fonte: Controradio]