Articoli AMT Toscana

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Quattro possibili tracciati per la Tramvia per Bagno a Ripoli

16.10.18 - Più di trecento persone lunedì sera al Teatro Reims per la presentazione delle ipotesi progettuali per il tram fino a Bagno a Ripoli. Sette chilometri e mezzo, 16 fermate da piazza della Libertà a Bagno a Ripoli, dove i binari arriveranno all’altezza del Volta-Gobetti. Il progetto preliminare prevede un costo stimato di circa 180-200 milioni (80 milioni di fondi europei, una ventina da trovare, il resto messo dai privati del project financing). Per non perdere i soldi dell’Ue è necessario finire l’opera nel 2023 e per farlo bisogna iniziare i lavori non più tardi dell’inizio del 2020, hanno spiegato dal palco del teatro il sindaco Dario Nardella, il suo collega ripolese Francesco Casini, l’assessore Stefano Giorgetti e i tecnici e progettisti dell’opera.

Leggi tutto...

Ceccarelli: "Necessari interventi per adeguamento infrastrutturale RFI"

05.10.18 - Ripresa dei lavori per la stazione Foster e sottoattraversamento ferroviario di Firenze; progetti per il raddoppio della Direttissima con separazione del traffico AV da quello regionale a partire dal Valdarno e un freno alla crescita esponenziale del numero dei treni ad alta velocità immessi in servizio sulla direttrice nord/sud fino a quando le carenze infrastrutturali della Toscana non saranno colmate.
Queste sono le richieste al ministro alle infrastrutture Toninelli e riproposte al gruppo Ferrovie dello Stato Italiane in occasione della presentazione del nuovo treno Jazz avvenuta la mattina del quattro ottobre alla stazione di Santa Maria Novella a Firenze, da parte dell’assessore regionale Ceccarelli.

Leggi tutto...

G.Mantovani: "Un errore cancellare il sottopasso Belfiore"

06.10.18 - "La soppressione del sottovia di Belfiore è stato uno dei più grossi dispiaceri per me": lo ha detto a Lady Radio l'ing. Giovanni Mantovani, direttore del Comitato Scientifico di AMT, che dal 2007 al 2013 è stato responsabile del procedimento per la realizzazione della linea 1 della tramvia a Firenze. Mantovani, in riferimento al sottopasso per le auto inizialmente previsto nei progetti, ha spiegato che "è stato cancellato per motivi che non ho ben capito o che vorrei non capire". "Si è eliminata l'opera forse più importante per evitare le interferenze tra il traffico privato e il traffico pubblico". "Il secondo rammarico - prosegue Mantovani - è che non si passi per il centro con la tramvia."

L'intero articolo da cui è stato tratto questo brano può essere raggiunto attraverso questo collegamento.

In Australia il primo treno convertito a energia solare

24.09.18 - Da rottame a pioniere della mobilità sostenibile. “Lui” è un vecchio treno, uno storico convoglio australiano rimandato in “pista” dalla Byron Bay Railroad Company con una sostanziale novità: è il primo treno alimentato al 100 per cento da energia solare. Fa la spola fra il centro cittadino di Byron Bay, cittadina balneare del Nuovo Galles del Sud, in Australia, alla zona turistica ricca di resort, lungo tre chilometri di binari. Con i suoi cento posti a sedere e la sua anima green, è la risposta all’esigenza di promuovere la mobilità su ferro a zero emissioni e alle richieste degli stessi cittadini stufi del diesel. Da luogo d’incontro (la "Cavvanbah" degli aborigeni), paradiso dei surfisti e stella polare degli hippy, oggi Byron Bay si trasforma in capitale dei trasporti eco-friendly.

Leggi tutto...