Articoli AMT Toscana

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



D'Angelis: "Per la tramvia sotto il centro di Firenze finanzieremo lo studio di fattibilità"

08.01.14 - Nei giorni che hanno preceduto la fine del 2013 si è concluso l'iter finanziario che dovrebbe autorizzare entro la fine di febbraio l'avvio dei lavori della linea 2 della tramvia fiorentina dall'aeroporto di Peretola a Piazza dell'Unità. Ieri mattina si è svolto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un incontro convocato dal sottosegretario Erasmo D'Angelis, al quale hanno partecipato i dirigenti dell'Unità di Missione del Ministero, i dirigenti della Regione Toscana e del Comune di Firenze. E' stato chiarito che nel quadro della Legge Obiettivo sarà consentito accedere al Fondo Revoche per finanziare l'ancora mancante studio di fattibilità del sottoattraversamento tramviario di Firenze che potrebbe permettere di collegare Bagno a Ripoli con la linea 2 e le estensioni verso Campi B. e Sesto Fiorentino. Nel corso dell'incontro romano, è stato fatto il punto anche sulla ripresa dei lavori dell'Alta Velocità fiorentina con la presa d'atto dell'assicurazione da parte del vertice di Rfi e Ferrovie dello Stato che il cantiere per la stazione Foster ripartirà con i lavori a fine mese.          [Fonte: AdnKronos]

La Regione Toscana mette a gara il servizio ferroviario regionale a partire dal 2015

23.12.13 - La Regione Toscana non procederà al rinnovo automatico del contratto con Trenitalia per la gestione del trasporto ferroviario regionale, che scade alla fine del 2014, ma affiderà il servizio attraverso un'apposita gara. E' quanto deciso oggi nella seduta di fine anno della giunta regionale e poi annunciato dal presidente Enrico Rossi. La Regione Toscana destina ogni anno 250 milioni di euro al trasporto ferroviario regionale e altrettanti a quello su gomma.
''Nel corso del 2014 - ha spiegato il presidente Rossi - prepareremo la gara e alla fine vinca il migliore. Al governo nazionale chiediamo di metterci in condizione di poter svolgere veramente una gara competitiva e partecipata, per quanto riguarda la materia dei depositi e del materiale rotabile''. Secondo Rossi ''è una scelta importante per il futuro della regione e siamo convinti che il superamento del monopolio possa servire a rendere il servizio regionale su ferro migliore, più efficiente e più accogliente per i tanti pendolari''.

Leggi tutto...

Tramvia di Firenze: sancito in Regione l'accordo di programma per le linee 2 e 3 entro il 2019

23.12.13 - Un accordo di programma per la realizzazione entro il 2019 delle linee 2 e 3 della tramvia fiorentina e l'elaborazione di studio di fattibilità per le linee 4 e 5. E' quanto deciso oggi, spiega una nota, dalla giunta regionale toscana. La tramvia fiorentina 'guadagna' così oltre tre anni e il rischio che i contributi dell'Unione Europea tornino indietro è scongiurato. ''Una buona notizia, che ci consentirà di ultimare un'opera strategica per il trasporto nel capoluogo e nei comuni più vicini - commentano il presidente della Toscana Enrico Rossi e l'assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli - con l'idea poi di estendere la tramvia anche a Campi Bisenzio e Sesto Fiorentino''. Per costruire le tre linee e non perdere i 36,6 milioni di euro affidati da Bruxelles alla Regione e da questa destinati al Comune di Firenze ci sarà infatti tempo fino al 31 marzo 2019 e non più solo fino al 31 dicembre 2015. Il Comune, come chiesto dall'Unione Europea, dovrà comunicare ogni tre mesi lo stato di avanzamento dell'opera.

Leggi tutto...

Rogers: "La tramvia era condizione irrinunciabile per progettare il nuovo centro di Scandicci"

16.12.13 - Durante la recente inaugurazione del nuovo centro Rogers, tenutasi il 30 novembre alla presenza del sindaco Gheri e delle autorità convenute, il noto architetto Richard Rogers, autore del progetto, ha avuto modo di ricordare come egli avesse posto due condizioni irrinunciabili all'accettazione dell'incarico per la progettazione del nuovo centro: la realizzazione di una moderna infrastruttura su ferro sul piano della mobilità e la possibilità di inserire nel masterplan le opere architettoniche che lui riteneva necessarie alla riqualificazione dell'area. Si è sviluppata quindi l'idea di un polo con residenze, negozi, uffici con una piazza pubblica e un auditorium. Un progetto in partnership attiva tra settore pubblico e operatori privati, che hanno ricevuto l'area dal Comune e hanno costruito un nuovo quartiere pedonalizzato e integrato con il contesto urbano.

Leggi tutto...