Metro do Porto: la metropolitana di Oporto e i suoi Eurotram

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Metro do Porto: la metropolitana di Oporto e i suoi Eurotram

Da un Reportage di Alessio Pedretti- 02.08.11

La città di Oporto è la seconda per dimensioni del Portogallo, può contare su circa 240.000 abitanti ed oltre 1.280.000 considerando l'intera area metropolitana composta da 11 Comuni contigui tra cui i più importanti risultano essere Gondomar, Maia, Vila Nova de Gaia e Matosinhos. Il nome della città di Porto è spesso variabile: innanzitutto è la città che ha dato nome al Portogallo (da "Portus Cale"...), per i portoghesi resta Porto (pronunciato "Portu") mentre per italiani e spagnoli diventa Oporto inglobando l'articolo determinativo portoghese; comunque il significato del nome resta Porto anche se per assurdo la città si sviluppa sulle rive del fiume Douro (il Duero per gli spagnoli...) ed oggi il porto principale ed industriale si sviluppa soprattutto sul territorio della vicina Matosinhos.

 

Famosa nel mondo per il suo eccezionale vino e le sue cantine, Porto è anche nota come città "invicta" poichè non è mai stata conquistata dai Mori, nè da Napoleone e non è mai stata sconfitta dalla sua creazione durante l'impero romano. Come Lisbona è una città che cambia mutevolmente aspetto in ogni suo angolo: si passa dalla Ribeira sul Fiume Douro (Patrimonio UNESCO come tutto il centro storico) con numerosi localini e ristorantini con vista sul Ponte Dom Luis I, si arriva alla Avenida dos Aliados e alla Rua Santa Caterina centro per lo shopping e svago, si arriva alle spiagge di Matosinhos, alle Cantine del Porto a Vila Nova de Gaia con le sue relative banchine, i "cais", sede di diversi localini esclusivi più moderni. La città è famosa per la sua architettura contemporanea e antica (è una rinomata sede di un'università di architettura importante a livello europeo e presenta sei magnifici ponti sul Douro), mentre di fatto non ci sono abitanti di Porto famosi nel mondo, anzi resta ancora un mistero come appellarli (portuensi? portesi ? portesini ?), resta da citare le squadre di calcio famose della città ovvero il FC Porto ed il Boavista mentre dal punto di vista culinario, oltre all'immancabile baccalà è interessante segnalare due piatti succulenti: "a francesinha" è uno stupendo piatto locale (da leccarsi i baffi...) mentre la trippa è un'altra specialità della città, la quale trova una sua origine storica nel periodo delle grandi scoperte geografiche. Infatti quando le navi partivano per scoprire nuovi mondi la carne migliore veniva caricata a bordo ed in città rimaneva solo la trippa, da qui il soprannome di "tripeiros" dato dai lisbonesi ai "portuensi" e poco gradito da quest'ultimi !...

DUE RETI TRANVIARIE MA SE ANDIAMO VEDERE NEMMENO UNA....

La città di Porto ha avuto una rete tranviaria, una rete filoviaria mentre tuttora ha una teleferica (Vila Nova de Gaia) ed una funicolare (Guindais) quest'ultime due relativamente recenti (2011 e 2004 rispettivamente!) mentre le reti tranviarie... beh sono due reti particolari ma se andiamo a ben vedere nessuna delle due può passare "tranviaria" come la intendiamo noi: quello che rimane della rete tranviaria storica viene esercitato con 3 linee (1-18-22) con frequenza prevalentemente turistica (una corsa ogni 30 minuti tutti i giorni) e presenta la curiosa caratteristica di essere una rete che è stata "ri-ampliata" nella prima decade del millennio attuale; al contrario invece la rete tranviaria per cui Porto è maggiormente famosa (con gli Eurotram gialli già noti ai milanesi, ad esempio) a tutti gli effetti è una rete metrotranviaria con tanto di segnalamento che si sviluppa prevalentemente in sede riservata con alcuni tratti in sotterranea "profondità". Tocca ora esaminare dunque quest'ultima...

METRO DO PORTO

A Porto infatti il "carro electrico" rimane il tram tradizionale mentre il cosiddetto tram moderno non lo troverete mai definito come "carro electrico" ma sarà sempre e solo la "Metro do Porto" (nome anche della Società che ne ha sviluppato il sistema), realtà che ha iniziato ad operare nel Dicembre 2002 e dopo quasi 10 anni è diventata una rete di 67 kilometri costituita da 80 stazioni (14 in sotterranea), 6 linee attive (A-B-C-D-E-F ognuna con un rispettivo colore) sulla quale circolano 102 rotabili della famiglia AdTranz - Bombardier.

 

Il servizio di Metro do Porto nasce dall'ammodernamento in parte di una pre-esistente rete ferroviaria a scartamento ridotto di CP Portogallo (si veda quanto detto per la stazione di Porto Boavista nel messagglio sugli impianti di CP): dei 67km attuali di rete una buona parte (circa due/terzi) è stata ricavata infatti sulla ex sede ferroviaria a scartamento ridotto mentre completamente nuovo risulta essere il tratto tra Trinidade e Campanha (c.c.a 7km) realizzato in galleria e sottopassante il centro della città "alta", tratta sulla quale corrono 5 delle 6 linee offrendo frequenze veramente impressionanti. La rete è strutturata infatti in modo tale che 5 linee raccolgono il traffico a nord-ovest della città e lo portano verso est e la Stazione ferroviaria di Porto Campanha (nonchè viceversa...) mentre una sesta, la linea D attraversa trasversalmente da nord a sud la città effettuando un servizio completamente separato dalle precedenti 5 (che interseca presso la fermata di Trinidade) e transitando sul leggendario Ponte Dom Luis I del 1886!

Le linee attualmente effettuate a Giugno 2011 risultano essere le seguenti:

- linea A Senhor de Matosinhos - Senhora da Hora - Trinidade - Porto Campanha CP - Estadio do Dragao
("Linha da Matosinhos", 15,6 km, 23 fermate, 40 minuti di percorrenza, 10 minuti la frequenza, effettuata con Flexity Outlook Eurotram)
- linea B Povoa de Varzim - Verdes - Fonte do Cuco - Senhora da Hora - Trinidade - Porto Campanha CP - Estadio do Dragao
("Linha da Povoa", 33,6km, 35 fermate, 65 minuti di percorrenza, 30 minuti la frequenza, effettuata con Flexity Swift)
- linea C ISMAI - Fonte do Cuco - Senhora da Hora - Trinidade - Porto Campanha CP - Estadio do Dragao
("Linha da Trofa o Linha da Maia", 20,6km, 25 fermate, 43 minuti di percorrenza, 15 minuti la frequenza, effettuata con Flexity Swift)
- linea D Hospital Sao Joao - Trinidade - Sao Bento CP - D. Joao II
("Linha de Gaia", 7,9km, 15 fermate, 20 minuti di percorrenza, 5/10 minuti la frequenza, effettuata con Flexity Outlook Eurotram)
- linea E Aeroporto - Verdes - Fonte do Cuco - Senhora da Hora - Trinidade - Porto Campanha CP - Estadio do Dragao
("Linha do Aeroporto", 16,7km, 21 fermate, 33 minuti di percorrenza, 20/25 minuti la frequenza, effettuata con Flexity Outlook Eurotram)
- linea F Senhora da Hora - Trinidade - Porto Campanha CP - Estadio do Dragao - Contumil - Rio Tinto - Fanzeres
("Linha de Gondomar", 24 fermate (di cui 10 nuove su 7 km), 41 minuti di percorrenza, 15 minuti la frequenza, effettuata con Flexity Outlook Eurotram)

La sola linea B presenta poi eccezionalmente un servizio Bx "Expresso" osservante meno fermate da Povoa verso Porto (15 anzichè 35, impiegando 45 minuti anzichè 60) rispetto alla linea originale, terminando tuttavia a Trinidade, un ulteriore aspetto che avvicina la rete di Porto più ad una metropolitana che ad una rete tranviaria e che affascina ancor di più per la sua versatilità. Da segnalare che la linea F è stata attivata il 2 Gennaio 2011 e di fatto costituisce la prima attivazione di una nuova linea tranviaria nel mondo durante il corrente anno, servizio che tuttavia presenta solo una parte di percorso completamente nuov, in particolare tra Estadio do Dragao e Fanzeres, nuova tratta avente una lunghezza di 7km per 10 nuove stazioni/fermate di cui 2 in corrispondenza con gli "urbanos" di CP Portogallo a Contumil e Rio Tinto.

Le fermate/stazioni di Verdes, Fonte do Cuco, Senhora da Hora risultano essere località di diramazione mentre alcune presentano 3 binari anzichè 2 data la lor importanza ed il traffico che vengono chiamate a svolgere (Aeroporto, Senhora da Hora, Trinidade, Estadio do Dragao, etc etc). Il tratto in sotterranea inizia da Trinidade e termina a Campanha CP per le linee A-B-C-E-F mentre per la linea D la tratta sotterranea si sviluppa tra Sao Bento e Polo Universitario. Al di fuori di queste tratte citate restano in sotterranea le sole fermate di Casa da Musica ed Estadio do Dragao (linee A-B-C-E-F) nonchè Levada per la sola linea F. Per le fermate in superficie non aspettatevi grandi impianti, spesso si tratta semplicemente di piccole pensiline di attesa con tutto il necessario per i passeggeri e ben pochi atti di vandalismo o scarsità di informazioni, diciamo un qualcosa sull'esempio delle fermate delle nuove reti tranviarie francesi alla quale si può accedere liberamente da qualunque lato della strada e senza tante transenne o giri strani per i pedoni come qualche metrotranvia milanese dove non ti trovi nemmeno l'orario di transito. Al contrario le stazioni interrate assumono un aspetto metropolitano dato che alcune di esse raggiungono una profondità notevole come ad esempio Bolhao nei pressi del centro, alla quale si può comunque accedere visto che sono presenti i tornelli ma non sono vincolanti, si tratta di semplici "colonnine" sulle quali convalidare i "tituli de viagem" del sistema Andante.

 

LA SOCIETA' E TARIFFE

Il cosiddetto sistema "Metro do Porto" è in mano alla Società omonima costituita dai seguenti attori: lo Stato Portoghese e l'Area Metropolitana di Porto hanno un 40% a testa dell'azionariato, segue STCP Porto (l'azienda dei trasporti pubblici di superficie) con un 16% e le Ferrovie Portoghesi CP con un 3,3%. Il restante e microscopico 0,5% è in mano a 7 Comuni (Porto, Gaia, Maia, Gondomar, Matosinhos, Vila do Conde e Povoa de Varzim) con... un'azione a testa!. A partire dal 1 Aprile 2010 tuttavia l'operatività e manutenzione del sistema Metro do Porto è stato affidato a ViaPorto, un consorzio nato con la collaborazione delle a noi già note Arriva e Keolis nonchè di Manvia (un gruppo portoghese specializzato nella manutenzione di Infrastrutture) e il Gruppo Barraqueiro, azienda di trasporti pubblici su gomma a noi già noto in quanto partecipante anche nell'ambito di Fertagus Lisbona (vedi precedente mail su CP Portogallo).

I ROTABILI


La rete di "Metro do Porto" viene percorsa potenzialmente da 102 rotabili: si tratta di 72 Eurotram (meglio noti anche come famiglia Flexity Outlook) classificati come MP001/MP072 realizzati da AdTranz nel 2001/02 ancora una volta presso Amadora a Lisbona, ovvero sempre presso lo Stabilimento della Sorefame, famoso costruttore di rotabili ferrotranviari che nel frattempo è stato acquisito da AdTranz, in seguito divenuta Bombardier. Tali Eurotram sono praticamente parenti degli esemplari milanesi serie 7000 di ATM Milano e dei colleghi di Strasburgo, sebbene con qualche differenza: hanno uno scartamento di 1435mm con tensione 750v. c.c., sono bidirezionali e tramite grancio possono viaggiare in doppia trazione, hanno una lunghezza di 35m, un peso di 41t, una velocità massima di 80km/h e possono trasportare 215 persone di cui 80 seduti.

Il sistema Metro do Porto trasporta qualcosa come 54 milioni di passeggeri in un anno e nel primo semestre dell'anno 2011 ben 29 milioni di persone hanno utilizzato la rete metrotranviaria di Porto, da ricordare che la linea E è stato il primo sistema di trasporto su ferro a raggiungere un Aeroporto in Portogallo (e tuttora resta l'unico ancora per un annetto, almeno sino a quando la linea "vermelha" lisbonese non arriverà all'Aeroporto di Portela) mentre sempre a Metro do Porto è in carico la Funicolare di Guindais, operante tra la Ribeira di Porto e la zona di Batalha, una sorta di grande ascensore con cabine inclinabile, realizzato in epoca relativamente recente nel 2004 ed operante su una traccia di una precedente funicolare che ha operato per poco tempo nel 1800, un impianto che nel suo piccolo trasporta circa mezzo milione di persone in un anno e che ritroveremo nel settore dedicato agli impiante a fune.

A Porto il sistema tariffario si chiama "Andante" e si basa su un unica tessera elettronica (valida sia per MdP, STCP, CP seppur con alcuni limiti) sulla quale è possibile caricare qualsiasi titolo di vieggio e funzionante con sistema contactless. Dopo aver pagato solo la prima volta la tessera (50 centesimi) si calcola e si carica sulla stessa la propria tariffa secondo un sistema di zone che copre l'intera area metropolitana di Porto: più si caricano zone e più si aumenta la validità oraria del titolo di viaggio, tanto per fare un esempio dall'Aeroporto al centro con 30 minuti di viaggio si pagano soli 2 euro, carta compresa!

Intorno all'anno 2006 sono stati ordinati ulteriori 30 esemplari Bombardier Flexity Swift classificati come serie MP101/MP130, consegnati nell'anno 2008 e realizzati congiuntamente dal colosso canadese Bombardier insieme a Kiepe e Vossloh, possono viaggiare a una velocità di 100 km/h (derivando da un progetto di tram-treno..) hanno una lunghezza di 37m e possono trasportare 251 passeggeri di cui 100 seduti. Da segnalare che gli Eurotram serie MP000, come a Milano, sono rotabili con pianale ribassato esteso per tutto il piano calpestabile dal passeggero mentre curiosamente i più giovani Flexity Swift serie MP100 hanno il pianale ribassato esteso solo per il 70% della superficie calpestabile della vettura.

I convogli possono viaggiare in doppia trazione in particolare sulle linee B, C e D e pertanto è possibile osservare accoppiati sia gli Eurotram serie MP000 che i Flexity Swift serie MP100, tuttavia non è stato osservato alcun accoppiamento "promiscuo" tra veicoli delle due serie, probabilmente non realizzabile. Da ricordare infine che i veicoli della linea D possono rientrare in deposito a Gueifaes tramite il cosiddetto "Tunnel J" che raccorda la Stazione Trinidade della linea D (al di sotto di quella delle restanti linee) con il Tunnel da Lapa situato sulla tratta principale delle linee A-B-C-E-F in partenza da Trinidade verso appunto Lapa e Casa da Musica.

Poco si sa dell'unico deposito presso la quale vengono ricoverati tutti i veicoli, si chiama Guifaes ed è raccordato sulle linee B ed E tra le fermate Custoias ed Esposade; è una struttura probabilmente ex ferroviaria che ricopre un'area vasta ed enorme, immersa nel verde e difficilmente raggiungibile dalle vicine fermate della Metro do Porto, tra l'altro dovrebbe essere ancora raccordata anche con la linea ferroviaria REFER-CP che collega il porto industriale di Matosinhos con il nodo di Porto.