Il futuro della mobilità urbana: lo studio di Ambrosetti e FSI

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Il futuro della mobilità urbana: lo studio di Ambrosetti e FSI

18.09.17 - Lo studio riassume e sistematizza le analisi, le riflessioni e i risultati del lavoro realizzato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Ferrovie dello Stato Italiane. Il tema della mobilità urbana è qui declinato principalmente in chiave di mobilità delle persone tenendo sempre presente che esiste una dimensione altrettanto importante legata alle merci e alla logistica urbana. Nello studio è elaborato un indice, l'Urban Mobility Index, che ci consegna un quadro della mobilità sostenibile in netto ritardo nelle città dell'Italia meridionale e con leader Milano, che ha la quota di mobilità collettiva al 48%, 5 punti % in meno di Londra e 22 di Parigi.  La modernizzazione auspicata nello studio si basa su 3 pilastri.

Al primo punto potenziare la rete su ferro per consentire una migliore integrazione tra le diverse modalità di trasporto e integrare, a differenza di quanto accade oggi, la pianificazione urbana con le scelte di mobilità; al secondo sviluppare un modello efficace di governance con la costituzione di Authority locali (come nelle Città estere più avanzate), che agiscano in modo coordinato e con criteri uniformi sul territorio; al terzo infine realizzare forti investimenti in innovazione e digitalizzazione per costruire piattaforme di servizi integrati e sempre più “personalizzati” che permettano al sistema della mobilità collettiva di offrire una migliore esperienza di viaggio.

I nostri lettori possono aver visione dello studio direttamente dal sito Ambrosetti attraverso questo collegamento.