Nuovo bando per la valorizzazione delle ferrovie minori in Toscana

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Nuovo bando per la valorizzazione delle ferrovie minori in Toscana

13.03.19 - Prosegue anche per il 2019 il progetto regionale per la valorizzazione delle linee ferroviarie minori, cioè le linee Siena-Grosseto, Siena-Chiusi, Cecina-Saline di Volterra, Porretta Terme-Pistoia, Lucca-Aulla, Arezzo-Pratovecchio-Stia, Arezzo-Sinalunga. "Ancora una volta - ha spiegato l'assessore Ceccarelli - ribadiamo che la volontà della Regione è quella di tenere aperte e valorizzare le ferrovie cosiddette minori, una scelta che può sembrare in controtendenza rispetto a molte altre realtà italiane, ma nella quale noi crediamo molto perchè la ferrovia non solo è ancora oggi uno dei mezzi di trasporto più sicuri e sostenibili, ma è un elemento caratterizzante del territorio, che se ben utilizzato può rappresentare anche un volano di sviluppo".

Dopo i bandi del 2014 e 2015 e le ulteriori iniziative sostenute nel 2017 e nel 2018, la Giunta regionale - su proposta dell'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli - ha scelto di continuare a scommettere sulla valorizzazione per fini turistici e sociali delle linee ferroviarie che hanno indici di frequentazione bassi (al di fuori delle fasce orarie utilizzate dai pendolari), ma che si trovano in contesti territoriali di elevata valenza storica, culturale, ambientale e paesaggistica. Province, Comuni e associazioni saranno dunque nuovamente chiamati a presentare progetti che abbiano come protagonista il treno e la ferrovia e mirino ad incrementare l'utenza del servizio ferroviario, sia ordinario che in occasioni straordinarie. La Regione sosterrà i progetti migliori con un contributo complessivo di 50.000 euro. L'entità del contributo regionale non potrà superare l'80% del costo complessivo del progetto. Tra i progetti finanziati negli scorsi anni grazie alle azioni di sostegno per le ferrovie minori, si ricordano gli appuntamenti con il treno a vapore sulla Cecina-Saline-Volterra e sulla Lucca-Aulla,  il "Treno del Gigante Bianco" per stimolare l'intermodalità treno-bici sulla Arezzo Sinalunga, le mostre fotografiche permanenti nelle stazioni lungo la Arezzo-Pratovecchio-Stia, gli eventi culturali, gastronomici e sportivi realizzati lungo la Porrettana.

[Fonte: Regione Toscana]