Sbloccati i 47 milioni di euro mai arrivati per la ferrovia Faentina

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Sbloccati i 47 milioni di euro mai arrivati per la ferrovia Faentina

04.12.17 - 31 milioni erano stati stanziati per le opere di compensazione della Tav, Rfi aveva poi aggiunto 16 milioni, ma questi finanziamenti non erano mai giunti a destinazione. Dopo le proteste dei giorni scorsi, oggi a Firenze sarà firmato il protocollo d'intesa che dovrebbe sbloccare i 47 milioni previsti e dare il via ai lavori che dovrebbero permettere la riqualificazione delle linee della faentina e della valdisieve con opere che riguardano stazioni, nuovi sottopassi e la realizzazione di una pista ciclabile. Riportiamo il comunicato stampa emesso dall'assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli in replica alle polemiche sollevate dai pendolari della linea Faentina: "Ai pendolari del Mugello ho risposto da tempo con un lettera nella quale annunciavo una prossima riunione già convocata per il prossimo 12 dicembre, nella quale incontreremo tutti i comitati pendolari della Toscana.

Per le linee Faentina e Valdisieve, inoltre, firmiamo domani  (oggi, ndr) con il vice ministro Nencini, Rfi e i comuni, un importante protocollo di intesa che consentirà a Rfi di dare il via a un programma di interventi, totalmente concordato con il territorio dopo un lungo e articolato confronto, senza precedenti su quelle linee, per quasi 50 milioni di Euro. Dispiace che ancora una volta si voglia fare polemica di fronte ad un risultato di grande rilievo, ottenuto grazie all'impegno del vice ministro Nencini. Per quanto riguarda i treni, attualmente sulla Faentina circolano dei moderni Minuetto per il 97% delle corse. Resta qualche corsa fatta con vecchi Aln, ma nei prossimi anni andremo al rinnovo completo della flotta, che coprirà anche questo residuo 3%.