Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni



UIC: a Bruxelles esperti a convegno sulla stazione del futuro. Redditizia, verde e al servizio della città

  • Stampa

Roma, 23 MAR – Più di 400 partecipanti si sono ritrovati a Bruxelles per la terza edizione di “Next Station”, la conferenza internazionale sulle stazioni ferroviarie, organizzata dalla UIC e dalle ferrovie belghe e avente come scopo quello di approfondire le sfide che dovranno affrontare le stazioni del futuro. Questi importanti nodi di scambio, infatti, oltre a rappresentare una piattaforma di connessione intermodale, devono essere anche una fonte di ricavi per i gestori e contribuire allo sviluppo delle città.

 

Dopo le edizioni di Roma e di Parigi, Bruxelles ha riunito il 17 e 18 marzo ben 420 decisori del settore, tra cui manager delle imprese ferroviarie, architetti, studiosi, rappresentanti delle istituzioni europee e dirigenti delle società che gestiscono gli spazi commerciali nelle stazioni (per l’Italia, era presente l’amministratore delegato di Grandi Stazioni, Fabio Battagia). Nel corso delle varie sessioni è stato affrontato il tema del profondo cambiamento avvenuto presso le principali stazioni europee e non solo: l’avvento dell’Alta Velocità ha comportato “una vera e propria rivoluzione delle stesse stazioni”.

Secondo quanto ha sottolineato Jannie Haek, amministratore delegato di SNCB Holding, le stazioni hanno acquisito un ruolo essenziale in materia urbanistica, sociale, culturale, oltre che trasportistica. Sono divenute luoghi di congiunzione, di scambio e di ritrovo nel cuore delle città.

Il direttore generale della UIC, Jean Pierre Loubinoux, ha da parte sua evidenziato “quanto sia diventato strategico per le imprese ferroviarie l’asset stazione”, sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista della tutela ambientale. Uno degli obiettivi futuri per i gestori, come indicato nei numerosi interventi, sarà proprio la stazione “verde”, per la quale dovranno essere studiate soluzioni tecniche e architettoniche innovative.

La conferenza ha visto la partecipazione anche dell’architetto spagnolo di fama mondiale Santiago Calatrava, che ha realizzato la stazione ferroviaria dell’aeroporto di Lione Saint-Exupéry e la stazione TGV di Liegi Guillemins, e che attualmente sta realizzando a New York il World Trade Center Trasportation Hub (su Ground Zero)-(FERPRESS).