Le risposte del candidato Sindaco di Firenze Dario Nardella

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Le risposte del candidato Sindaco di Firenze Dario Nardella

19.05.19 - Dario Nardella è l'attuale Sindaco di Firenze e si candida per la rielezione sostenuto da PD, +Europa, Avanti Firenze, Sinistra Civica, Firenze + Verde e Nardella Sindaco. Ha gentilmente risposto alle nostre domande.

a) Che importanza ha secondo lei la mobilità nella pianificazione della vita di una città?
"È fondamentale per una città vivibile e sostenibile. Il nostro obiettivo è un sistema di mobilità integrato e sostenibile, articolato in diverse modalità di trasporto, finalizzato a ridurre in particolare congestione e inquinamento dell’aria."

b) Quale rapporto ci dovrebbe essere secondo lei tra Trasporto Pubblico Locale e mobilità privata?
"Il ruolo del trasporto privato non sarà più quello di penetrazione verso il centro lungo le direttrici radiali e smistamento a ridosso del centro storico bensì avrà il ruolo di ripartizione tangenziale degli spostamenti e, in misura minore, di penetrazione radiale. Gli spostamenti con auto privata saranno ricondotti in aree più esterne e su nuove infrastrutture dedicate. Il nostro obiettivo è dimezzare i veicoli privati in circolazione da qui a cinque anni, da 200 a 100 mila."

c) Qual è la sua posizione rispetto al completamento della rete tramviaria? È favorevole alla realizzazione delle linea per Bagno a Ripoli e per Campo di Marte Coverciano?  "Il completamento della rete tranviaria è una priorità per i prossimi cinque anni. Da sindaco convocherò immediatamente tutti i miei tecnici per organizzare il lavoro da fare."
È favorevole al prolungamento della linea per l'Aeroporto verso Sesto Fiorentino e alla realizzazione di quella che utilizzando l'attuale sede ferroviaria dovrebbe raggiungere da Porta al Prato le Piagge e poi proseguire per Campi Bisenzio?  "Sono favorevole, perché è importante riuscire a collegare in modo efficiente l’intera area metropolitana per ridurre i mezzi in ingresso in città."
Ritiene che il centro storico debba essere servito con il tram?
"Per il centro storico stiamo lavorando a un piano ad hoc per i trasporti con mezzi totalmente green, ripensando anche ai tragitti dei bussini elettrici e inserendone uno mirato a collegare piazza San Marco con piazza dell’Unità."

d) Il riassetto ferroviario complessivo che prevedeva la realizzazione della nuova stazione AV progettata da Norman Foster, il sottoattraversamento AV ed il riutilizzo delle linee di superficie con l'istituzione di un Servizio Ferroviario Metropolitano che potesse servire la città e l'area vasta è attualmente in stallo. Qual è la sua opinione a riguardo?
"Sulla stazione Foster non accettiamo tentennamenti. I cantieri devono ripartire e il sottoattraversamento deve essere realizzato, avrà un ruolo cruciale per liberare binari di superficie adatti a quel servizio metropolitano che cittadini e pendolari tanto attendono."

e) È d'accordo con la realizzazione della nuova pista aeroportuale prevista dall'attuale amministrazione?"La nuova pista è un’infrastruttura imprescindibile per la qualità della vita dei residenti di Brozzi e Quaracchi, per uno scalo all’altezza di Firenze e un sistema aeroportuale toscano efficiente."

f) La città metropolitana di Firenze, tardivamente rispetto a molte altre città e obbligata dalla legge che lo prevede per le città metropolitane entro il 4 agosto 2019, ha dato inizio alla fase preliminare che dovrebbe portare alla redazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile.
Qualora fosse eletto sindaco quali indicazioni di indirizzo darebbe al gruppo di lavoro che si occupa della redazione di questo importante strumento?
"Anche dal lavoro che abbiamo intrapreso per il Pums sono emersi i punti di valore della tramvia come mezzo di trasporto efficace, considerato dagli utenti una valida alternativa al veicolo privato. Anche che l’uso del treno come mezzo di trasporto urbano ed extraurbano, metropolitano è molto apprezzato, tanto che abbiamo registrato in dieci anni un incremento del 30% fino quasi a toccare 70mila pendolari che ogni giorno prendono il treno. È emerso inoltre che esiste un bacino potenziale di almeno altri 10mila passeggeri, pronti a lasciare l’auto in cambio del treno, con un servizio frequente sia nelle ore di punta che nelle fasce morbide. Sono tutte questioni che dovranno essere tenute di conto nella stesura del piano."