Presentato il progetto di Bicipolitana per Firenze

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Presentato il progetto di Bicipolitana per Firenze

11.02.18 - Il progetto della Bicipolitana è coordinato dall’Ufficio Bici insieme a Fiab-Firenze Ciclabile e Legambiente. Consiste in una rete integrata di piste ciclabili e relativi pannelli informativi che si estende dal Parco di San Donato a Sorgane e dalle Piagge al Varlungo e permetterà ai ciclisti di pedalare sempre in sicurezza attraversando la città su linee di trasferimento pensate ad hoc. Il progetto della Bicipolitana è stato presentato in Palazzo Vecchio alla presenza, tra gli altri, dell’assessore all’Urbanistica e Smart City Bettarini, dell’assessore alla Mobilità Giorgetti, del presidente di Fiab-Firenze Ciclabile Luca Polverini e di Andrea Cattarozzi di Legambiente. L’obiettivo, sulla base delle previsioni del  regolamento urbanistico, è collegare le piste ciclabili esistenti individuando le direttrici portanti che uniscono i maggiori centri d’interesse e realizzare linee di trasferimento veloce per facilitare lo spostamento dei ciclisti. Una grande rete di collegamenti in grado di abbracciare tutto il territorio, arrivando anche ai comuni limitrofi.

Per coordinare il progetto è stata costituita una task force che mette insieme gli assessorati all’Urbanistica, Polizia Municipale, Ambiente e Mobilità. L’ufficio Bici lavorerà in collaborazione con Fiab-Firenze Ciclabile e Legambiente.  Per i dettagli delle otto linee, ognuna contraddistinta da un colore, come per le linee della metropolitana in modo da agevolare anche ai ciclisti meno esperti, e per l'intervista agli assessori del Comune di Firenze  Giorgetti e Bettarini che fanno il punto sul progetto di Bicipolitana rimandiamo i nostri lettori alla paginma del sito di Controradio da cui è stato tratto questo breve brano attraverso questo collegamento.