Dario Nistri: "Con Belfiore AV necessaria la fermata Circondaria"

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Dario Nistri: "Con Belfiore AV necessaria la fermata Circondaria"

21.09.17 - In risposta all'intervento del Presidente del Consiglio della Regione Toscana Eugenio Giani che sulla cronaca di Firenze de La Nazione del 26 agosto riportava l'attenzione sull'accessibilità alla nuova stazione AV di Firenze Belfiore ed il suo collegamento con SMN ed il servizio ferroviario regionale, è intervenuto il presidente di AMT Toscana Dario Nistri con un articolo pubblicato su Mobilitypress. Dario Nistri ha sottolineato l'importanza di una valutazione comparata in termini di bilancio costi/benefici tra le soluzioni possibili sulla base di due componenti: tempo di viaggio risparmiato e numero di utenti in grado di usufruirne. Secondo il presidente di AMT: "La prima componente (tempo risparmiato) induce a domandarsi quale sia il modo più rapido per far fluire i passeggeri dai servizi Alta Velocità a quelli regionali (e viceversa).

Qualsiasi sia il mezzo di trasporto (tram, people mover, treno, autobus, calesse, mongolfiera…) che connette le due stazioni, Belfiore AV e Santa Maria Novella, il viaggiatore subisce una “rottura di carico” aggiuntiva, un’attesa ulteriore, un nuovo tempo di viaggio e un addizionale tempo di accesso alla banchina (10-15 minuti). Il tempo di percorrenza complessivo fra origine e destinazione (door-to-door) potrebbe rischiare di dilatarsi e, in alcuni casi, addirittura rendere ridicoli i risparmi di tempo ottenuti dall’Alta Velocità. L’effetto sarebbe quindi di rendere l’opzione AV+trasporto pubblico locale meno attrattiva per gli utenti rispetto all’alternativa AV+auto. In questo senso il nuovo parcheggio ipotizzato non aiuterebbe né il trasporto regionale, né i servizi extraurbani che dovrebbero essere attestati a Belfiore AV.   La seconda componente (quanti passeggeri), invece, è ancora più spinosa: oggi si prevede (da notizie di stampa) che l’offerta AV si concentri a Santa Maria Novella e che Belfiore erediti i servizi AV che oggi fermano a Firenze Campo di Marte, gli extraurbani e i servizi su gomma di lunga percorrenza. In questo caso c’è chi si domanda, forse non a torto, se ci fossero valide ragioni per spendere milioni di euro per un numero di passeggeri e treni così contenuto.
Al contrario, se gli operatori AV decidessero di spostarsi prevalentemente a Belfiore AV, risparmiando fino a 10-12 minuti di percorrenza rispetto alla fermata a Santa Maria Novella (cosa niente affatto improbabile), molti più passeggeri dovrebbero “subire” l’allungamento del viaggio, come scritto poco sopra. Il risultato finale sarebbe paradossale: senza alcun interscambio diretto con i regionali, all’aumentare dei passeggeri a Belfiore, i benefici di avere una nuova stazione AV potrebbero ridursi considerevolmente. Un assurdo se si pensa che la nuova grande stazione AV è stata certamente pensata e progettata per accogliere un elevato numero di passeggeri.
A tutto ciò andrebbero aggiunti, nel computo di una teorica analisi costi benefici, i costi di realizzazione del nuovo parcheggio e del People Mover. Al contrario, una nuova fermata ferroviaria per i servizi regionali/metropolitani in superficie in corrispondenza di Belfiore AV (fermata Circondaria), consentirebbe risparmi di tempo per gli utenti del trasporto pubblico e migliorerebbe l’accessibilità alla stazione AV per tutta l’area metropolitana. In realtà non si tratta di un’idea nuova: la fermata Circondaria è inclusa nel Patto per Firenze, ma sta alla politica locale e regionale valorizzarne il progetto, includendolo fra quelli da valutare. Se, invece, l’esercizio teorico appena descritto fosse confermato (ovvero l’alternativa senza fermata Circondaria o con una fermata incompleta - senza banchine per i binari di cintura ad esempio) e prendesse corpo, l’utenza di Belfiore AV che utilizza il servizio ferroviario regionale sarebbe penalizzata, in termini di tempo, tra il 10 e il 30% del tempo di viaggio AV. Forse troppo per chi oggi viaggia fra Firenze e Bologna in appena 35 minuti. Ma non importa: forse nessuno verrà mai a saperlo."

Il Focus di Dario Nistri dal titolo "Non fate i conti .. Senza il tempo!" si trova a pagina 13 dell'ultimo numero di Mobilitypress, che rendiamo raggiungibile attraverso questo collegamento.