La stazione AV Foster: progetti e prospettive un anno dopo

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana



Ricevi HTML?

 



La stazione AV Foster: progetti e prospettive un anno dopo

19.07.17 -È passato un anno, dal momento in cui le prime indiscrezioni giornalistiche avevano dato per defunta la stazione Alta Velocità “Belfiore” di Firenze. Nel mese di luglio ed agosto 2016, AMT Toscana ha cercato di dare il proprio contributo per chiarire quali fossero costi, benefici e rischi di un cambio di rotta sui progetti per il nodo di Firenze, sia organizzando una tavola rotonda con esperti, in collaborazione con il Corriere Fiorentino, sia pubblicando un documento di approfondimento (scaricabile da qui).

Dalle notizie di stampa di fine aprile 2017 che sono seguite alla presentazione dei progetti preliminari dell’autostazione e hanno interrotto il silenzio che da ottobre gravava sul futuro della stazione AV Belfiore (la “Foster”), si ricava quanto segue...

a.       Verrà realizzata non solo la galleria ma anche la stazione AV (inclusa un’autostazione, destinata agli autobus regionali e a quelli turistici, affiancata alla nuova stazione AV).

b.      È confermata la centralità della stazione di S. Maria Novella.

c.       Verrebbe realizzata una nuova arteria Panciatichi – Belfiore AV che permetterebbe l'accesso diretto da Nord-ovest al nuovo hub per i bus.

Da queste notizie si trova conferma di alcune ipotesi contenute nel documento di AMT di agosto 2016. In primis, il fatto che fosse difficile fermare i lavori e che cambiare radicalmente il progetto a lavori in corso avrebbe rischiato di aggiungere costi e ridurre i vantaggi dell’opera. A maggior ragione nel momento in cui non si è rilevata un'interruzione dei lavori. Secondo, la scelta di affiancare alla stazione AV l’area dedicata al trasporto su gomma conferma la nostra intuizione che fosse molto difficile poter introdurre un’autostazione all’interno del volume della nuova stazione.

Ancora oggi, purtroppo, le informazioni disponibili non chiariscono alcuni aspetti che riguardano la funzionalità dell’opera e che hanno un’importanza di primo piano.

Per questo abbiamo deciso di chiedere un approfondimento all'Assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti, stilando una lista di domande che a breve invieremo all'assessore, le cui risposte saranno pubblicate su questo sito.

Nel frattempo non mancheremo di tenervi informati, come facciamo da oltre 5 anni.