Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni



Tramvia: Rossi tenta il salvataggio dei 36 mln di fondi UE

  • Stampa

31.05.13 - Addio, almeno per adesso, ai 36 milioni di euro di fondi Ue destinati alle linee 2 e 3 della tramvia di Firenze. Il progetto sarebbe stato finanziato a patto del completamento dell'opera e della messa in esercizio delle linee tramviarie entro dicembre 2015, cosa che non avverrà. La Regione ha chiesto al Comune una parola definitiva sui tempi. Giacomo Parenti, direttore delle infrastrutture del Comune di Firenze, ha fatto sapere che dopo il fallimento di Impresa, la ditta costruttrice, le banche hanno dato lo stop agli atti finali di ricontrattazione del mutuo, desiderose di sapere prima la sorte della ditta.

 

Conti alla mano, non appare più rispettabile la scadenza imposta dalle attuali disposizioni comunitarie e regionali. Ma da Bruxelles Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana, a seguito della sessione plenaria del Comitato delle Regioni, ha fatto sapere che la parola decisiva sarà detta il 20 giugno quando arriveranno a Firenze i funzionari Ue. In questa occasione Rossi cercherà di convincere gli interlocutori europei che gli investimenti già fatti sono tali da giustificare l'utilizzo dei finanziamenti Ue anche per il futuro, a tal proposito i tecnici della Regione presenteranno la rendicontazione dettagliata delle spese della linea 1. In caso di esito positivo dell'incontro, la Regione, grazie all'accordo firmato a settembre tra Rossi e il sindaco di Firenze Matteo Renzi, tirerà fuori di tasca propria i 36 milioni di euro che verranno girati subito al Comune e, una volta ricevuto il finanziamento comunitario, la regione li dirotterà su progetti subito cantierabili come ad esempio il people mover dell'aeroporto di Pisa.

[Fonte: Controradio]