Regione Toscana: 4,5 mln per 37 bus ecologici, destinatarie 5 aziende di TPL

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni

Newsletter AMT Toscana

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

 



Regione Toscana: 4,5 mln per 37 bus ecologici, destinatarie 5 aziende di TPL

18.02.13 - Dalla Regione Toscana in arrivo 4 milioni e mezzo di euro per acquistare 37 nuovi bus elettrici, ibridi, a metano, a gpl o a gasolio. Gli autobus saranno acquistati grazie ad un bando dell’assessorato regionale ai trasporti. Saranno di nuova fabbricazione, quindi ecologici, dotati delle moderne tecnologie di telecontrollo ed equipaggiati per accogliere persone disabili. Il cofinanziamento regionale, attivato grazie a fondi del Ministero dell’Ambiente, consentirà investimenti per un totale di 9 milioni di euro, grazie alla compartecipazione delle aziende vincitrici.

Le 5 aziende di trasporto pubblico locale che, grazie a questo bando, andranno a rinnovare sensibilmente il proprio parco mezzi sono:

- CTT nord srl, nata dall’unione di AATL e CPT ed in servizio nelle province di Pisa e Livorno, che riceverà 1.927.500 euro;

- TIEMME spa, che serve la zona di Siena, Arezzo e Grosseto e che avrà 1.190.000 euro;

- CAP soc.coop, che opera a Prato e provincia e che avrà 1.057.500 euro;

- ATN srl, che serve Massa e Carrara ed avrà 215.000 euro;

- infine LINEA SpA, in servizio a Firenze, che avrà 117.500 euro.

I nuovi autobus saranno destinati principalmente ai comuni toscani dove si sono registrate maggiori criticità per quanto riguarda il livello delle emissioni inquinanti. Per contribuire a migliorare la qualità dell’aria in queste città, saranno infatti sostituiti con mezzi nuovi autobus urbani in esercizio da oltre 15 anni (alcuni immatricolati addirittura nel 1985), di classe euro 0 o euro 1.

La rottamazione dei mezzi più vecchi ed inquinanti, necessaria per migliorare la qualità dell’aria nei centri urbani più critici, è stata uno dei criteri principali utilizzati per stabilire la graduatoria sulla base della quale sono stati stabiliti i finanziamenti.

Altri criteri utilizzati per stilare la graduatoria sono stati: la quantità di servizi offerti agli utenti, la percentuale di rinnovo del parco mezzi fatta in proprio da ciascuna azienda di trasporto, la possibilità di immettere rapidamente in servizio i nuovi mezzi.

In un momento in cui i servizi di trasporto pubblico locale sono messi in sera difficoltà dall’incertezza dei trasferimenti dei fondi statali da parte del Governo, la Regione Toscana è andata in controtendenza ed ha deciso di investire su mezzi nuovi e più moderni, ecologici e funzionali, per migliorare il servizio per gli utenti del trasporto pubblico locale.

Firenze, 12/02/2013  [Fonte: Ferpress]