Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare le impostazioni



La Regione Toscana garantirà la copertura finanziaria per la realizzazione delle linee 2 e 3 della tramvia fiorentina

  • Stampa

Lunedì scorso in giunta regionale e martedì scorso in quella comunale il protocollo d'intesa fra il governatore della Toscana Enrico Rossi e il sindaco di Firenze Matteo Renzi, composto da cinque pagine  piene di impegni definiti “strategici”, è stato firmato dalle due controparti.   Secondo l'accordo, per la tramvia fiorentina entrerà in campo la Regione e controllerà insieme a Palazzo Vecchio che i lavori finalmente inizino e procedano. Soprattutto impedirà di perdere, se le linee 2 e 3 non saranno finite entro il 2015, i 36 milioni di finanziamento Ue. Se i tempi, come è prevedibile si allungheranno, la Regione garantirà comunque la stessa somma: «La Regione si impegna a verificare la possibilità di individuare risorse alternative atte a garantire il mantenimento della copertura economica dell’intervento». Nel testo dell'accordo il Comune, come la Regione, decide di considerare il sistema tramviario strategico per la mobilità della città e dell’area circostante. Tanto che i due enti chiederanno al ministero di potere svincolare la somma accantonata dopo la cancellazione del passaggio dal Duomo (circa 22 milioni) per destinarla, «se necessario», al completamento delle linee 2 e 3 o al prolungamento nella Piana. Condiviso infatti nel documento anche lo sviluppo futuro della rete tramviaria verso Campi Bisenzio e Sesto Fiorentino oltre che a Sud-Est verso Bagno a Ripoli.

Riportiamo qui il comunicato del Comune di Firenze sull'accordo raggiunto con la Regione Toscana attraverso questo collegamento.